Come si fa a cucinare nel caminetto con gli accessori per camino antichi?

 

Cucinare nel caminetto è romantico, accogliente e piacevole. In più, a differenza del barbecue, non dipende dal tempo e questo è un grosso vantaggio. Inoltre, la cottura a legna conferisce alle pietanze un gusto delizioso.

Esistono diversi modi di cucinare o grigliare nel caminetto. Questi metodi derivano dai modi con cui, ai tempi in cui non esistevano i fornelli, si cucinava normalmente nei caminetti. A questo scopo si faceva uso di ogni genere di accessori per camino.

Gli utensili per caminetto erano indispensabili per regolare correttamente il fuoco per la preparazione dei cibi. Anche gli accessori per camino erano necessari per preparare le pietanze e per appendere il cibo o la pentola davanti al fuoco.

Questi accessori per camino antichi possono ancora essere utilizzati per cucinare nel caminetto. Il vantaggio degli accessori per camino antichi è che questi accessori spesso sono splendidamente realizzati e testimoniano una grande abilità artigianale. Anche riprodurre antichi metodi di cucina è un’idea interessante.

 

cucinare nel caminetto con gli accessori per camino antichi

 

Prima di cominciare

Molte persone sono convinte che cucinare nel camino significhi letteralmente cucinare sul fuoco ma, di solito, in realtà non è così. Se il cibo, con o senza pentola, viene messo direttamente sul fuoco, si brucia. Alle volte ciò può essere necessario per friggere o per portare a ebollizione una pietanza ma, in generale, si cuoce davanti al fuoco o sopra alle braci ardenti. Di seguito c’è una spiegazione di come è possibile farlo in vari modi.

Per cucinare nel camino, è importante che il fuoco si regolato in modo corretto. Se si deve far dorare la carne, ad esempio, serve un po’ più di fuoco, mentre ce ne vuole meno per cuocere più dolcemente. Inoltre è necessario poter togliere dal fuoco le braci ardenti. Per farlo, sono necessari buoni attrezzi per camino. In questo articolo, troverai informazioni sugli attrezzi per camino che ti servono: Quali attrezzi camino ti servono?

Inoltre, esistono accessori da cucina che in passato erano utilizzati per cucinare nel camino, quali schiumarole, cucchiai da minestra, spatole e forchettoni, necessari per controllare se il cibo era cotto. Questi accessori erano spesso in ferro battuto, in rame o in ottone oppure realizzati con un una combinazione di questi materiali.

 

Cuocere con lo spiedo e gli alari

Servono:

Maggiori informazioni sugli alari si possono trovare in questi articoli: A cosa servono gli alari? Tenere presente che questo metodo funziona solo con alari dotati di ganci per lo spiedo che si trovino alla stessa altezza.

Questo metodo è adatto per cucinare qualunque cosa allo spiedo: un pollo intero, un cosciotto di agnello, pesce su uno spiedo apposito, melanzane, spiedini di verdure, ecc. Prepara una fuoco caldo che deve bruciare per un po’ di tempo. Sposta il fuoco all’indietro in modo che lo spiedo si trovi davanti al fuoco, non sopra di esso. Tieni anche conto della tua sicurezza, quando giri lo spiedo.

Metti la leccarda sotto la punto in cui si troverà lo spiedo. Infila il cibo sullo spiedo e appoggia lo spiedo sugli appositi ganci. Mantieni il fuoco ragionevolmente caldo per rosolare il cibo e continua a girare lo spiedo regolarmente. Alcuni spiedi sono dotati di una pratica maniglia per farlo.

Abbassa il fuoco usando un attrezzo da camino. Assicurati che il fuoco sia sufficientemente caldo per cucinare il cibo, ma non tanto da bruciarlo. Un termometro per la carne è utilissimo per capire quando la carne è cotta, ad esempio per cucinare un cosciotto d’agnello o un roastbeef.

 

Cuocere con lo spiedo e gli alari

 

Cucinare sul girarrosto

Servono:

Un girarrosto è una piccola cassetta di ferro che racchiude un meccanismo a ingranaggi con una molla che può essere caricata con un’apposita chiavetta. Una punta dello spiedo si inserisce nel girarrosto mentre l’altra estremità si appoggia su un sostegno oppure sui ganci per lo spiedo degli alari. Lo spiedo gira lentamente grazie all’azione della molla. Questo permette di cuocere il cibo in modo uniforme.

Questo metodo è adatto per cucinare qualunque cosa allo spiedo: un pollo intero, un cosciotto di agnello, pesce su uno spiedo apposito, melanzane, spiedini di verdure, ecc. Prepara una fuoco caldo che deve bruciare per un po’ di tempo. Metti il girarrosto davanti al fuoco. Se usi gli alari, collocalo appena davanti a essi. Posiziona la leccarda sotto al punto dove si troverà lo spiedo. Infila il cibo sullo spiedo e inserisci una punta dello spiedo nel girarrosto, appoggiando l’altra sul sostegno.

Mantieni il fuoco ragionevolmente caldo per arrostire il cibo. Abbassa il fuoco usando un attrezzo da camino. Assicurati che il fuoco sia sufficientemente caldo per cucinare il cibo, ma non tanto da bruciarlo. Un termometro per la carne è utilissimo per capire quando la carne è cotta, ad esempio per cucinare un cosciotto d’agnello o un roastbeef.

 

Cucinare sul girarrosto

 

Grigliare o cucinare con una catena o una cremagliera

Servono:

  • - Raccordo a croce in ferro (da davanti a dietro) nella canna fumaria a cui può essere appesa una catena o una cremagliera. In passato si usavano anche stupenda mensola, fissati alla parete laterale del caminetto. Questo tipo di supporto permette spesso di appendere diverse pentole con l’ausilio di catene o cremagliere. Il supporto spesso può anche ruotare, in modo da variare ulteriormente la posizione sul fuoco o per togliere o appendere più facilmente la pentola o la carne sul fuoco. 
  • - Catena con un gancio in fondo e uno alla sommità oppure cremagliera. Una cremagliera è una sorta di sega allungata con un anello che permette di fissare la cremagliera a diverse altezze. Questo consente di determinare la distanza del cibo o della pentola dal fuoco e di conseguenza il calore necessario per la cottura. 
  • - Robusto filo (non di plastica) o pentola in ghisa (per arrostire, brasare o bollire) con manico per poterla appendere alla catena o alla cremagliera. 
  • - Leccarda for grigliare la carne 
  • - Attizzatoio con gancio per sollevare il coperchio della pentola dello stufato o della zuppa

 

cucinare con una stupenda mensola

 

Questo metodo è adatto for appendere e arrostire del cibo su un filo sopra al fuoco. Particolarmente adatto per polli interi o cosciotti d’agnello. Se si appende una pentola alla catena o alla cremagliera, è possibile, ad esempio, preparare uno stufato o una zuppa. Vedere ad esempio la seguente ricetta: Ricetta per grigliare un pollo su un filo sul caminetto.

Per grigliare la carne: fissare la catena o la cremagliera sul davanti del raccordo a croce in ferro nella canna fumaria del caminetto, in modo che il cibo possa essere appeso davanti al fuoco. Quindi preparare il fuoco e assicurarsi che abbia bruciato per un po’ di tempo. Preparare la carne. Avvolgere bene il filo attorno alla carne in modo che rimanda al suo posto quando viene appesa. Nel caso di un pollo intero, basta legare assieme le gambe e fissargli il filo per appendere. Fissare quindi un lungo filo alla carne. Spostare indietro il fuoco in modo che la carne sia sospesa davanti al fuoco. Mettere la leccarda in corrispondenza della catena o cremagliera davanti al fuoco. Appendere il filo alla catena o cremagliera facendo in modo che la carne sia sospesa davanti al fuoco. L’altezza del fuoco, e di conseguenza il calore, naturalmente può essere corretta durante la cottura, a seconda del tipo di preparazione richiesta. Ruotare il filo in modo che la carne continui a girare davanti al fuoco. Continuare a ripetere regolarmente tale operazione.

Per stufare o bollire in una pentola: fissare la catena o cremagliera al centro del raccordo a croce in ferro nella canna fumaria del caminetto, in modo che la pentola possa essere appesa direttamente sul fuoco. Quindi preparare il fuoco e assicurarsi che abbia bruciato per un po’ di tempo. Preparare lo stufato o la zuppa. Appendere la pentola al gancio della catena o alla cremagliera. Prestare attenzione all’altezza del fuoco rispetto a quella della pentola. Con la cremagliera, l’altezza può essere regolata in anticipo. Per portare la pietanza a ebollizione, il fuoco deve essere più alto, mentre per stufare o cuocere lentamente, è necessario abbassarlo.

Usare un attizzatoio con gancio per sollevare il coperchio.

 

Cucinare con un treppiede sottopentola

Servono:

Questo metodo è adatto for bollire, arrostire o brasare in una pentola, padella o in una tajine. In questo modo, è possibile anche mettere sulle braci ardenti più di una pentola, con l’ausilio di alcuni treppiedi sottopentola, purché nel caminetto ci sia spazio sufficiente.

Un treppiede sottopentola è un supporto piatto rotondo con delle gambe e un manico, che può essere messo sulle braci ardenti e su cui, a sua volta, è possibile appoggiare una pentola o una padella. I treppiedi sottopentola sono disponibili con varie altezze, a seconda del tipo di preparazione del piatto in relazione all’altezza del fuoco. Anche in passato, esistevano treppiedi sottopentola con altezze diverse tra cui scegliere. Esistono inoltre pentole in ghisa che possono essere appoggiare direttamente sulle braci ardenti. In questo caso, il treppiede sottopentola non è più necessario. Alcuni treppiedi sottopentola hanno anche un manico che può essere appeso a una catena o una cremagliera e sui cui possono essere appoggiate le pentole.

Preparare il cibo. Assicurarsi che il fuoco abbia bruciato abbastanza a lungo affinché ci siano pezzi di brace ardente. Spostare le braci ardenti in avanti e il fuoco all’indietro. Mettere il treppiede sottopentola sulle braci ardenti. Cuocere il cibo usando una pentola una padella di ghisa o una tajine. Prestare molta attenzione alla fonte di calore. Il calore può essere variato spostando più o meno braci ardenti sotto al treppiede sottopentola o aumentando la combustione del carbone con l’aiuto di un soffietto.

Usare un attizzatoio con gancio per sollevare il coperchio.

 

Cucinare con la graticola

Servono:

Questo metodo è adatto per cuocere ogni genere di verdure, crostacei e carne.

Una graticola è un supporto rettangolare piatto con apposite sbarre orizzontali, gambe e un manico, che viene collocata sulle braci ardenti. Le griglie di norma sono abbastanza basse perché per cuocere il cibo è necessario grigliarlo vicino alla fonte di calore.

 

Cucinare zucchini con la graticola

 

Preparare il cibo. Assicurarsi che il fuoco abbia bruciato abbastanza a lungo affinché ci siano pezzi di brace ardente. Spostare le braci ardenti in avanti e il fuoco all’indietro. Mettere la griglia sulle braci ardenti. Se si usano gli alari e un braciere, è possibile appoggiare la griglia sul braciere. Spostare quindi la legna che brucia di lato e mettere la griglia al centro del braciere.

Prestare molta attenzione alla fonte di calore. Il calore può essere variato spostando più o meno braci ardenti sotto alla griglia. È possibile anche mettere la griglia su un treppiede sottopentola, aumentando così la sua distanza dalle braci ardenti. Una volta che il cibo è sulla griglia non si deve più usare il soffietto perché la cenere si depositerebbe sulle vivande.

 

Cucinare con la graticola

Preparare il cibo. Assicurarsi che il fuoco abbia bruciato abbastanza a lungo affinché ci siano pezzi di brace ardente. Spostare le braci ardenti in avanti e il fuoco all’indietro. Mettere la griglia sulle braci ardenti. Se si usano gli alari e un braciere, è possibile appoggiare la griglia sul braciere. Spostare quindi la legna che brucia di lato e mettere la griglia al centro del braciere.

Prestare molta attenzione alla fonte di calore. Il calore può essere variato spostando più o meno braci ardenti sotto alla griglia. È possibile anche mettere la griglia su un treppiede sottopentola, aumentando così la sua distanza dalle braci ardenti. Una volta che il cibo è sulla griglia non si deve più usare il soffietto perché la cenere si depositerebbe sulle vivande.

 

Cucinare con il Dutch Oven

Servono:

  • - Dutch Oven
  • - Attizzatoio con gancio per rimuovere il coperchio del dutch oven
  • Paletta per camino per spostare le braci ardenti
  • - Se possibile: un soffietto

Questo metodo è adatto per stufare, bollire e cuocere al forno in una pentola speciale che può svolgere anche la funzione di un forno.

Un dutch oven è una pentola di ghisa con le gambe, di solito dotato di una coperchio ribassato. Le gambe svolgono anche la funzione del treppiede sottopentola. Il coperchio ribassato permette ti appoggiarvi sopra le braci ardenti.

Preparare il cibo. Assicurarsi che il fuoco abbia bruciato abbastanza a lungo affinché ci siano pezzi di brace ardente. Spostare le braci ardenti in avanti e il fuoco all’indietro. Mettere il dutch oven sulla cenere e sul carbone ardente. Prestare molta attenzione alla fonte di calore. Il calore può essere variato spostando più o meno braci ardenti sotto al treppiede sottopentola o aumentando la combustione del carbone con l’aiuto di un soffietto.

Se il dutch oven viene usato come un forno, è importante avere un’idea del tempo di cottura perché togliere più volte il carbone e la cenere dal coperchio non è pratico. Così facendo, capirai qual è il rapporto corretto tra la quantità di braci ardenti e il tempo di cottura.

 

Cucinare con il Dutch Oven

 

 

Altri metodi per grigliare

Oltre ai metodi descritti fin qui, esistono anche alcuni speciali accessori per camino per la preparazione di specifici piatti.

  • - Per arrostire le mele si usa un apposito supporto (una griglia per le mele) che si mette davanti al fuoco.
  • - Per tostare il pane si utilizza uno speciale contenitore per il pane (una tostiera) da mettere davanti al fuoco.
  • - Alcuni alari sono dotati di appositi supporti per mantenere calde le bevande.
  • - Si possono cuocere le cialde su un apposito ferro per waffle appoggiato su un treppiede sottopentola sulle braci ardenti.
  • - Le patate si possono arrostire in una trave del caminetto appositamente realizzata.

 

Ricette per cucinare nel camino

Condividere: